Dissemination Models for Communication of Cultural Heritage: ‘di sotto in su’ Perspective Domes in Andrea Pozzo’s Work

  • Leonardo Baglioni Department of History, Representation and Restoration of Architecture, Sapienza University of Rome, leonardo.baglioni@uniroma1.it
  • Marta Salvatore Department of History, Representation and Restoration of Architecture, Sapienza University of Rome, marta.salvatore@uniroma1.it
Keywords: Andrea Pozzo, Perspective, Illusory Architectures, Fake Domes, Prototyping

Abstract

Questa ricerca opera nell’ambito della comunicazione e della valorizzazione del patrimonio culturale attraverso la costruzione di modelli fisici capaci di riprodurre procedimenti teorici astratti e renderli accessibili attraverso esperienze visive immersive.
La comunicazione del patrimonio è una questione centrale oggi in materia di valorizzazione dei beni culturali. Il concetto di valore perde la sua accezione economica per assumere quella di conoscenza e diffusione della conoscenza che, insieme, concorrono alla valorizzazione del bene. Il flusso della conoscenza veicola attraverso due livelli diversi di condivisione, la disseminazione scientifica, relativa alla condivisione dei contenuti nell’ambito di una comunità scientifica al fine di incrementare la conoscenza, e la divulgazione, relativa invece alla condivisione dei contenuti con la collettività, con finalità esplicative.
La sperimentazione presentata, che si inquadra in quest’ottica, esplicita, attraverso un modello fisico, la dimostrazione di una teoria prospettica alla base della realizzazione di alcune delle finte cupole emisferiche che Pozzo dipinge alla fine del Seicento. Il riferimento è la tela per la chiesa di S. Ignazio, prima di una serie di finte cupole in prospettiva dal ‘sotto in su’, realizzate dall’artista trentino negli anni a seguire.
Le immagini prospettiche delle cupole dipinte, diverse fra loro, sembrano rappresentare una medesima architettura ideale. Questa teoria si dimostra attraverso due analisi distinte, una morfologica, finalizzata alla ricerca di affinità formali negli elementi dell’ordine del tamburo, e una prospettica, finalizzata invece a determinare la profondità dello spazio illusorio. Condotta su immagini confrontabili da un punto di vista morfologico, l’analisi prospettica ha dimostrato, attraverso la verifica dell’invarianza del birapporto, la sussistenza di un unico modello ideale, e cioè un prototipo progettato da Pozzo, a cui alludono le diverse prospettive in esame che differiscono fra loro per lo scorcio prospettico e cioè per la posizione dell’osservatore e la sua distanza dal quadro. La misura della profondità dello spazio prospettico ha consentito la restituzione della vera forma della cupola.
Il modello virtuale della cupola è stato prototipato con stampanti 3D, con l’obiettivo di realizzare una installazione con cui lo spettatore possa verificare sperimentalmente, attraverso un’esperienza interattiva immersiva, la congruenza delle immagini dipinte con il medesimo modello architettonico, partecipando in maniera attiva dei principi proiettivi alla base della prospettiva stessa.
Realizzata con finalità divulgative e di disseminazione, l’installazione mostra e dimostra la prospettiva attraverso il linguaggio della prospettiva stessa, esplicitando al contempo il duplice processo progettuale alla base dell’opera di Pozzo: il progetto architettonico e quello delle infinite immagini prospettiche che gli corrispondono.

References

Baglioni, L., Fasolo, M., Migliari, R. (2016). Sulla interpretazione delle prospettive architettoniche. In S. Bertocci, M. Bini (a cura di). Le ragioni del disegno. Pensiero, forma e modello nella gestione della complessità/ The reasons of Drawing. Thought, Shape and Model in the Complexi ty Management. Atti del 38° Convegno Internazionale dei Docenti delle Discipline della Rappresentazione/XIII Congresso UID. Firenze, 15-17 settembre 2016, pp. 1027-1032. Roma: Gangemi editore.

Baglioni, L., Salvatore, M. (2019). Andrea Pozzo e la finta cupola di S. Ignazio in Roma. In A. De Rosa (a cura di). Roma Anamorfica, pp. 220-235. Ariccia: Aracne.

Baldinucci, F.S. (1975). Vite di artisti dei secoli XVII-XVIII. Trascrizione, note, bibliografia e indici a cura di Anna Matteoli. Roma: De Luca editore.

Carta, M. (1996). Le finte cupole. In V. De Feo, V. Martinelli (a cura di). Andrea Pozzo, pp. 54-65. Milano: Electa.

Fiedler, G. (1874). Trattato di Geometria descrittiva. Firenze: Successori Le Monnier.

Mancini, M., Fasolo, M. (2018). Andrea Pozzo “architetto” e il suo progetto “architettonico” per la volta della chiesa di S. Ignazio. In R. Salerno (a cura di). Rappresentazione Materiale/Immateriale/Drawing as (in)tangible. Atti del 40° Convegno Internazionale dei Docenti delle Discipline della Rappresentazione/XV Congresso UID. Milano 13-15 settembre 2018, pp. 553-562. Roma: Gangemi editore.

Migliari, R. (a cura di). (2004). Disegno come modello. Roma: Kappa.

Montalto, L. (1962). La storia della finta cupola di S. Ignazio. In Capitolium, n. 6, anno XXXVII, pp. 393-405.

Pascoli, L. (1736). Vite de’ pittori, scultori ed architetti moderni. Vol. II. Roma: per Antonio de’ Roffi nella Strada del Seminario Romano.

Pozzo, A. (1693). Perspectiva pictorum et architectorum/Prospettiva de’ pittori e architetti. Parte prima. Roma: Stamperia di Gio. Giacomo Komarek Boëmo all’Angelo Custode.

Pozzo, A. (1700). Perspectiva pictorum et architectorum/Prospettiva de’ pittori e architetti. Parte seconda. Roma: Stamperia di Gio. Giacomo Komarek Boëmo alla Fontana di Trevi.

Published
2019-06-23
How to Cite
[1]
L. Baglioni and M. Salvatore, “Dissemination Models for Communication of Cultural Heritage: ‘di sotto in su’ Perspective Domes in Andrea Pozzo’s Work”, diségno, no. 4, pp. 127-138, Jun. 2019.
Section
Means and Media of Representation and Visual Culture